fiscalità

Al 18 febbraio inviate 230 milioni di e-fatture da parte di 2,3 milioni di operatori

Con riferimento alla platea degli operatori coinvolti, tra i più attivi, dopo concessionarie e autofficine, figurano  liberi professionisti (338.691), costruttori (269.972), manifatture (269.600), agenti immobiliari (142.627), alberghi e ristoranti (121.171)
0
219

Invio di e-fatture (fatture elettroniche) più che raddoppiate nei primi 18 giorni di febbraio, rispetto a quanto rilevato in gennaio, mese dal quale è scattato l’obbligo di fatturazione elettronica.

Stando a quanto reso noto dall’Agenzia delle Entrate, alle ore 9 del 19 febbraio, ultimo giorno per l’invio da parte dei contribuenti mensili delle e-fatture relative alle operazioni effettuate a gennaio, mostrano un trend in forte ascesa con 228 milioni di file inviati da parte di oltre 2,3 milioni di operatori. In pratica, circa 100 e-fatture a operatore.

Gli invii non è andato a buon fine per errori nella compilazione sarebbero il 4,43%. In totale, sono state rilasciate 7 milioni di deleghe per i servizi del sistema e-Fatture e corrispettivi, di cui 2 milioni tramite gli uffici AdE e 5 milioni attraverso le altre modalità (area riservata del sito internet delle Entrate, pec).

3,3 milioni, infine, le richieste di generazione del Qr code da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta, per consentirgli di acquisire in automatico i dati del cliente.

Come ampiamente scontato, il settore più interessato dalla trasmissione delle e-fatture è quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio, mentre con riferimento alla platea degli operatori coinvolti, tra i più attivi, dopo concessionarie e autofficine, figurano  liberi professionisti (338.691), costruttori (269.972), manifatture (269.600), agenti immobiliari (142.627), alberghi e ristoranti (121.171).

A livello territoriale è la Lombardia a spiccare su tutte le regioni con oltre 80 milioni di invii (81.180.119), seguono Lazio (51.235.686 invii) ed dall’Emilia-Romagna (13.524.740). L’Italia centrale vede la Toscana superare la soglia di 8 milioni di fatture inviate (8.048.074), seguita dalle Marche (3.103.146) e dall’Umbria (1.792.741). Al Sud la Campania fa registrare quasi 7 milioni di invii (6.947.742), la Sicilia raggiunge quota 4.696.895, mentre in Puglia sono 4.344.587 le fatture inviate al sistema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here