mercato

Studio Houzz Italia: nel 2017 grande ottimismo professionisti ristrutturazione casa

Quasi la metà dei rispondenti (44%) si aspetta una crescita dei ricavi di oltre il 10% rispetto al 2016. Gli interior designer sono i più ottimisti sugli incrementi delle entrate lorde previsti nel 2017 (65%), mentre gli architetti si dimostrano essere i più conservatori (58%). Le difficoltà nel reperire potenziali clienti sono annoverate tra le principali sfide affrontate dai professionisti nel 2016, insieme alla preoccupazione dei clienti per i costi, alla difficoltà di riscuotere i pagamenti e alla debolezza e incertezza dell’economia locale
0
489

Houzz – la piattaforma online leader mondiale nell’arredamento, progettazione e ristrutturazione d’interni e d’esterni – ha presentato lo studio annuale di settore a livello mondiale e nazionale. Studio che fornisce una panoramica sulle performance del 2016 e sulle previsioni del 2017 riguardo al business della ristrutturazione e design della casa. Per l’Italia si basa sui dati rilevati nel sondaggio effettuato sui professionisti registrati su Houzz Italia, che lo hanno compilato tra il 6 e il 20 febbraio 2017 (numero totale di rispondenti: 896). Stando ai risultati presentati, la maggioranza dei professionisti guarda al futuro con ottimismo, prevedendo aumento delle entrate e crescita dei guadagni per l’anno in corso (rispettivamente 61% e 56%). Quasi la metà dei rispondenti (44%) si aspetta una crescita dei ricavi di oltre il 10% rispetto al 2016. Gli interior designer sono i più ottimisti sugli incrementi delle entrate lorde previsti nel 2017 (65%), mentre gli architetti si dimostrano essere i più conservatori (58%). Per favorire la crescita delle entrate nel 2017, i professionisti prevedono di aumentare gli investimenti in attività di marketing (62%) e di offrire nuovi prodotti e servizi (53%). Altri, invece, progettano di acquisire progetti con budget più elevati (47%), collaborare con altri professionisti o imprese (43%) e migliorare l’esperienza del cliente (40%). Anche il numero dei dipendenti è destinato a salire nel 2017: del 20% per le aziende di mobili e accessori, del 12% per gli interior designer e dell’11% per gli architetti . “Dopo un anno forte come quello del 2016, le prospettive per il 2017 sono ancora più positive per i professionisti della casa della Community italiana di Houzz”, ha dichiarato Mattia Perroni, managing director di Houzz Italia. “Stiamo assistendo a un aumento, sia delle entrate che dei guadagni in tutti i settori del mercato, guidato da una domanda costante che beneficia di una solida fiducia da parte dei clienti, dell’invecchiamento delle abitazioni e della limitata disponibilità delle nuove costruzioni”. Tornando brevemente ai numeri presentati nel rapporto, secondo 1 professionista su 5, il 2016 è stato l’anno migliore o il secondo anno migliore degli ultimi 10. Quasi la metà (46%) ritiene che le entrate siano aumentate nel 2016. I maggiori guadagni si sono registrati tra gli interior designer (40%) e per le aziende di mobili e accessori (36%), seguiti dagli architetti (32%). Nel 2016, accanto alla crescita dei guadagni, si è però registrato un aumento anche dei costi (per il 52% a influire maggiormente costi legali e amministrativi), come dichiarato dal 42% dei professionisti intervistati. Tra gli altri costi troviamo l’affitto e bollette (40%), i costi di attrezzature per l’ufficio e software (35%) e costi dei prodotti e materiali (29%). Le difficoltà nel reperire potenziali clienti sono annoverate tra le principali sfide affrontate dai professionisti nel 2016, insieme alla preoccupazione dei clienti per i costi, alla difficoltà di riscuotere i pagamenti e alla debolezza e incertezza dell’economia locale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here