mercato

Prosegue ripresa mercato vetro piano. Edilizia assorbe il 65% delle vendite

La principale destinazione del vetro piano (in valore) rimane il comparto delle finestre ed in particolare quello della sostituzione anche grazie al contributo fornito dall’ecobonus
0
272

suddivisione mercato vetro pianoNell’ambito dell’Osservatorio Nazionale sul Vetro Piano è stato presentato ieri a Milano il 2° rapporto “Il Settore del Vetro Piano in Italia”, realizzato da Assovetro in collaborazione con la società di ricerca di mercato MCR e con il coordinamento scientifico del professor Carmine Garzia.

Studio che ha lo scopo di quantificare la domanda e definire le dinamiche competitive del vetro piano in Italia; analizzarne i modelli di business del settore dei trasformatori del vetro piano e valutare investimenti e performance di gestione delle aziende.

Studio che conferma la ripresa in atto delle vendite di vetro piano. Per il 2018 il valore complessivamente stimato è pari a circa 840 milioni di Euro con un aumento di circa il 5% rispetto all’ anno precedente.

Il principale settore d’impiego resta l’edilizia, che assorbe circa il 65% delle vendite e la maggior parte del vetro  è utilizzata per le finestre, un mercato che vale 421 milioni di euro, mentre quello delle facciate ne vale 105. Il secondo mercato è quello dell’arredamento che include anche l’arredo-bagno e i mobili per ufficio. Tassi di crescita intorno al 2% sono attesi nel biennio 2019-2020 nei settori dell’edilizia e dell’arredamento.

65% vendite in edilizia

Come accennato, il mercato del vetro piano in Italia verso clienti industriali e finali residenti in Italia  ha un valore stimato (2018) di circa 840 milioni di Euro. Il principale settore d’impiego è l’edilizia, che assorbe circa il 65% delle vendite, per un valore aggregato di 545 milioni di Euro.

Scendendo ulteriormente nei (pochi) dettagli resi pubblici della ricerca, è il comparto delle finestre ed in particolare il mercato della sostituzione edile ad assorbire la maggior parte della domanda di vetro piano (in valore), anche grazie al contributo fornito dall’ecobonus alla sostituzione dei serramenti (nel 2018 pari a un miliardo e 610 milioni di euro).

L’arredamento, assorbe circa il 25% del fatturato, per un valore di circa 210 milioni di Euro, mentre gli altri settori (trasporti, medicale, applicazioni industriali) assorbono circa il 10%della domanda per un valore di circa 85 milioni di Euro.

Nella presentazione Garzia ha ricordato come  tutti gli indicatori ISTAT evidenziano una ripresa del settore edile e un’inversione di tendenza dei prezzi che andrà a beneficio dei fornitori di materiali e componenti; “è importante sottolineare il trend di crescita – ha sottolineato Garzia – . Il rapporto stima un più 2 per cento, è un valore che consideriamo abbastanza sicuro, anche se i futuri dati economici del prodotto interno lordo italiano dovessero essere negativi”.

Insieme alle costruzioni, crescono il mercato dei serramenti e la domanda di vetro per le finestre, anche grazie agli incentivi fiscali. Nel 2019 e nel 2020 (con tutte le cautele del caso) il valore del mercato dei serramenti dovrebbe cresce ulteriormente con effetti positivi sulla crescita della domanda di vetro piano.

Nel 2019 la domanda stimata di vetro piano è stata indicata in circa 541 milioni di Euro ed a 556 milioni di Euro per il 2020, sconto in fattura permettendo e rinnovo certo delle detrazioni esistenti. La crescita cumulata del prossimo biennio potrebbe dunque attestarsi  a circa il 4,9%.

performance delle aziende

Come sempre molto interessante l’analisi condotta sui bilanci delle società. Analisi che si avvale di un campione di 150 aziende che operano nella trasformazione di vetro piano.  Il fatturato aggregato del campione raggiunge i 646 milioni di Euro e copre una parte significativa del mercato interno, che ha un valore stimato di 840 milioni di Euro.

La redditività delle vendite è stata interessata da un aumento nel 2015 e nel 2018. Nel 2018 la redditività commerciale (ROS) è aumentata rispetto al 2017 (4,8%) e nel 2020 si attesterà a circa il 5,1%. Nel 2018 la redditività degli investimenti (ROIC) ritorna a valori superiori la media del periodo e si prevede un ulteriore aumento nel 2019.

Tra le aziende prese in considerazione dall’analisi, quelle specializzate nell’edilizia commerciale hanno registrato le migliori performance di crescita e anche di redditività Daniele Predari e Carmine Garzia(ROS).

Daniele Pedrari, presidente della sezione Trasformatori Vetro Piano in Assovetro ( nell’immagine a sx), ha ricordato che “le aziende del settore sono andate verso una specializzazione” e che “sono emerse le eccellenze”.  Oggi, ha aggiunto, “si punta soprattutto alla qualità”.

Nel corso del breve dibattito svoltosi al termine delle presentazione, Carmine Garzia (nell’immagine a dx) ha ribadito il fatto che le aziende di trasformazione del vetro, oggi, sono solide dal punto di vista finanziario e redditizie ed hanno “numeri” decisamente migliori di quelli della filiera del serramento.

Stando al rapporto, le imprese del vetro piano hanno un basso tasso di indebitamento iniziale, un ritorno sulle vendite buono, un ritorno sul capitale investito definito da Garzia “performante”.  Sono imprese, ha aggiunto Pedrari, “che hanno lavorato sull’innovazione dei processi di produzione e sull’efficienza”.

(Claudia Silivestro)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here