azienda

Breda regala computer ancora performanti a istituti scolastici ed organizzazioni locali

Un solo gesto ha determinato due importanti traguardi: aiutato concretamente il territorio, fornendo strumenti utili e attuali alla collettività e ha dotato i dipendenti dell'azienda di nuova tecnologia per svolgere quotidianamente il proprio lavoro
0
482

Breda ha annunciato di avere rinnovato il parco tecnologico aziendale e regalato i suoi “vecchi” computer a scuole e associazioni locali. Si tratta di più di trenta postazioni, in ottimo stato e ancora performanti, che l’azienda ha deciso di riscattare dal leasing e destinare a chi ne potrà fare buon uso, contribuendo così a migliorare l’attività di alcune realtà del territorio e di istituti scolastici, spesso bisognosi di attrezzature e materiale per la didattica. L’operazione è stata tanto semplice quanto utile e immediata: è stata avviata una prima ricerca per identificare chi poteva avere più bisogno e poi si è proceduto alla consegna. Consegna che sul fronte scuole, elementari e medie e avvenuta tramite un curioso “passaggio di mano” da genitori a figli: sarebbero stati infatti gli stessi collaboratori di Breda a segnalare le realtà frequentate dai propri ragazzi, che finiranno per studiare con gli stessi strumenti che sono stati di mamma e papà; i computer sono stati così consegnati agli istituti comprensivi che raggruppano le scuole di Sequals, Montereale, Travesio, Pinzano, Lestans, Meduno, Arba, Fanna e Cavasso e Sedegliano. Breda ha anche portato un po’ di innovazione tecnologica al gruppo comunale della Protezione civile, alla Pro-Loco, all’associazione dei donatori di sangue, al tennis club, al gruppo sportivo, ma anche alla neonata Protezione civile di Vajont, alla sezione degli alpini e alla società operaia di mutuo soccorso.  Un solo gesto ha determinato due importanti traguardi: aiutato concretamente il territorio, fornendo strumenti utili e attuali alla collettività e ha dotato i dipendenti dell’azienda di nuova tecnologia per svolgere quotidianamente il proprio lavoro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here