associazione

Aumento prezzi dell’acciaio: “bolla” destinata a scoppiare

Di questo si è parlato nel webinar “Mercato & Dintorni”, organizzato da siderweb. All’origine dell'aumento dei prezzi dell'acciaio , simile per entità e velocità a quelli precedenti la crisi del 2008, sembrano esserci due fattori

 

Aumento prezzi dell'acciaio: "bolla" destinata a scoppiareI prezzi dell’acciaio hanno toccato i massimi degli ultimi 10 anni. Da settimane sia le materie prime sia i prodotti finiti stanno facendo segnare consistenti aumenti, crescita che sembra avere colto inaspettato il comparto.

Anche per questo avvio del 2021 si pronosticava un andamento ancora negativo sia del mercato sia dei prezzi invece si stanno registrando “strappi” in aumento del prezzo di cui si cercano di decifrare le motivazioni.

Secondo un sondaggio realizzato da siderweb, la metà degli operatori siderurgici  coinvolti crede si tratti di una bolla che scoppierà nel primo o secondo trimestre. L’altra metà si dice convinta che si tratti di un riposizionamento del mercato su valori più elevati dopo oltre due anni di calo dei prezzi, oppure di una normale reazione allo squilibrio tra domanda e offerta.

Di questo si è parlato nel webinar “Mercato & Dintorni”, organizzato da siderweb. All’origine dell’aumento dei prezzi dell’acciaio , simile per entità e velocità a quelli precedenti la crisi del 2008, sembrano esserci due fattori. Da un lato la «distonia marcata tra la produzione di acciaio e la domanda dei settori utilizzatori, cominciata nel terzo trimestre 2019» e aggravatasi durante il primo lockdown, quando l’output di acciaio è crollato vertiginosamente, ha spiegato Gianfranco Tosini dell’Ufficio Studi siderweb.

«Da qui in poi – ha ricordato Tosini – c’è stato un vuoto di offerta proprio quando, nel terzo trimestre 2020, è esplosa la domanda grazie alla fase finale della prima emergenza pandemica». Questa distonia si sta ora riducendo ed è «plausibile che il gap si ridimensioni dopo il primo trimestre 2021».

Dall’altro lato, a questa dinamica si è agganciato il mercato finanziario, che sta speculando sull’aumento dei prezzi. Questi rincari così violenti, comunque, sarebbero destinati a rientrare entro il secondo trimestre dell’anno grazie a un riallineamento tra domanda e offerta.

Quanto alla produzione di acciaio, a novembre la «World Steel Association ha letto una ripresa della produzione europea, tornata sopra i livelli del 2019 e in questo 2021, con la ripartenza degli impianti di Gent e Taranto di ArcelorMittal, dovrebbe registrarsi un ulteriore e notevole incremento – ha aggiunto l’analista di Kallanish, Emanuele Norsa -. Elemento interessante perché ad oggi continua a esserci carenza di materiale sul mercato, fatto questo che, se continuerà nei prossimi mesi, supporterebbe i nuovi aumenti dei prezzi».

Prezzi dell’acciaio. Non solo speculazione

Sulla ripresa dei consumi di acciaio «si è innestata un po’ di speculazione internazionale, che ha colpito tutti gli elementi che compongono il prezzo dell’acciaio, dalle materie prime alle ferroleghe. Ma credo che la ripresa dei consumi, e quindi delle quotazioni, sia reale e non fittizia. Quindi come tutte le bolle, penso che anche questa sia destinata a scoppiare. Ma c’è stato un forte aumento della richiesta di acciaio: non credo che le quotazioni possano tornare indietro ai livelli più bassi che abbiamo visto nel 2020» ha dichiarato  Alessandro Banzato, presidente di Federacciai e Acciaierie Venete. «Per l’anno in corso – ha aggiunto – ci dobbiamo aspettare buoni consumi e prezzi stabili, se non addirittura in salita».

Il presidente di Federacciai ha commentato anche quanto sta accadendo a Taranto e Piombino, nei due importanti poli siderurgici di ArcelorMittal Italia e JSW Steel Italy: «Non vorrei che a qualcuno sia venuto in mente di ricreare la Finsider dei tempi d’oro, che produceva solo perdite che venivano ripianate da tutti noi.

Su questo la nostra contrarietà è massima. Cosa diversa è il rilancio di impianti che hanno una logica di mercato. Quindi Taranto, Novi Ligure, Genova, il treno rotaie di Piombino. Se parliamo di vergella e barre, invece, oggettivamente la poca presenza di questi impianti produttivi sul mercato si è sentita molto poco, perché quelle quote di mercato sono state assorbite».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome