compravendite immobiliari

Acquisti nuda proprietà. Aumentano soluzioni indipendenti e semi indipendenti

Stando alle rilevazioni del gruppo Tecnocasa, le soluzioni indipendenti e semi indipendenti si sono attestate nel semestre al 14,7% dato che conferma una maggiore propensione verso le tipologie indipendenti e semi indipendenti:

 

Acquisti nuda proprietà. Aumentano soluzioni indipendenti e semi indipendentiCosì come già rilevato a livello generale, pure  l’andamento delle compravendite di nuda proprietà effettuate nel primo semestre dell’anno indicano un forte aumento  delle tipologie abitative indipendenti e semi indipendenti, la cui percentuale avrebbe raggiunto il 14,7%, facendo segnare una crescita superiore al 100% all’analogo semestre del 2019 (7,0%).

Ad indicarlo l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa sui dati indicati dalle agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete,  dati dai quali risulta che l’80,0% di chi vende lo fa per reperire liquidità e quindi per mantenere un certo tenore di vita, oppure per far fronte ad esigenze legate all’avanzare dell’età e a volte per sostenere i figli nell’acquisto della casa.

La maggioranza dei venditori di nuda proprietà appartiene a nuclei familiari monocomponente, nel 54,3% dei casi infatti si tratta di single, vedovi, divorziati e separati. Per quanto riguarda gli acquirenti, nella maggior parte dei casi si tratta di coppie e coppie con figli che compongono il 68,6% del totale.

Gli acquirenti di nuda proprietà si concentrano soprattutto nelle fasce di età comprese tra 18 e 54 anni (77,2%), mentre solo il 22,8% ha un’età superiore a 54 anni.

La tipologia più compravenduta con la formula della nuda proprietà rimane quella del trilocale con il 44,1% delle preferenze, seguono i bilocali con il 20,6%.

Come riportato in apertura, le soluzioni indipendenti e semi indipendenti si sono attestate nel semestre al 14,7% dato che conferma quindi una maggiore propensione verso le tipologie indipendenti e semi indipendenti: ” …tendenza alimentata anche dal periodo di lockdown legato al Covid-19 ed al rinnovato interesse verso le soluzioni dotate di spazi esterni” sottolinea l’Ufficio Studi